Ehrengard di Karen Blixen ♥ Recensione

Una fiaba scritta dall'autrice nota per "La mia Africa". Una fiaba che è stata resa nota solo nel 1963 dopo la sua morte ed è considerata la grande conclusione della carriera letteraria di Karen Blixen.



Autrice:  Karen Blixen nota per il suo romanzo "La mia africa"

Titolo: "Ehrengard"

Editore: Adelphi

Pagine: 100


Una fiaba brevissima che leggerete in poche ore. Scritta con una prosa elegante, curata e dal sapore antico, fiabesco.
Ambientata nell'immaginario reame di Babenhausen la storia inizialmente si concentra sul principe Lotario, ragazzo che non sembra particolarmente interessato al gentil sesso tanto da turbare la madre che teme di non poter avere un erede al trono.
La stessa regina si rivolge al famoso pittore Cazotte. Artista noto tra le corti e gli ambienti più importanti per le sue opere ma anche per la sua fama di Don Giovanni.
Sarà proprio grazie a lui infatti, e alla sua arte della seduzione, che indurrà il principe Lotario ad invaghirsi della bella principessa Ludmilla.

Si innamorerà a tal punto però da concepire un figlio ancor prima di convolare a nozze.
Per evitare lo scandalo la regina manda i giovani innamorati a vivere nel lontano castello di Rosenbad con una ristretta cerchia di fedeli collaboratori. Tra loro non manca Cazotte che incontrerà proprio in questa occasione colei che è stata scelta come dama di compagnia della principessa: Ehrengard.

Saranno loro i protagonisti di questa fiaba che diventerà lo scenario dell'arte della seduzione. Cazotte, abile seduttore è convinto di sapere come far capitolare la bella Ehrengard che si sarebbe innamorata di lui senza nemmeno rendersene conto. Pedina nelle sue mani.
E' facile però restare sedotti dallo stesso oggetto della seduzione che si era convinti di poter manovrare a nostro piacimento.

Ehrengard è una ragazza elegante, attenta, forte, decisa e a tratti schiva, ma nello stesso tempo seducente e sicura di sè. Per nulla ingenua come poteva sembrare all'apparenza, la giovane Ehrengard ha ben intuito le intenzioni di Cazotte e, per nulla turbata, fa una mossa del tutto inaspettata che trasformerà il giovane Cazotte da seduttore a vittima.
Una brevissima fiaba sull'arte della seduzione raccontata con estrema eleganza e con un'aurea fiabesca che pervade ogni più piccolo elemento della storia.

IL MIO GIUDIZIO: 



 IMPRONTE DAL LIBRO

"Fate in modo da avere un segreto con lui. Qualcosa che, in tutto il mondo, sapete soltanto voi e lui. Allora sentirete che lui è voi, e voi siete lui". 

"Perchè per mirabile che sia, la donna che non desti nell'uomo l'istinto del seduttore è come il cavallo del Chevalier de Kerguelen, che aveva tutte le virtù del mondo, ma era morto."

Da: "Ehrengard"

Nessun commento:

Posta un commento